Featured Posts

Sonno dimagrante

August 9, 2018

 

 

Al bando il detto popolare che dice che dormendo poco si dimagisce perchè il fisico è sempre in movimento. Ricerche scientifiche asseriscono proprio il contrario.Dormire 7-8 ore per notte è un modo per assicurarsi il peso forma. Lo afferma uno studio dell’Università della California pubblicato su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, che ha valutato l’influenza che la carenza di sonno può avere sul metabolismo dei carboidrati: è risultato che dormire un numero di ore insufficiente (4-5 ore per notte per 5 notti di fila) espone al pericolo di avere troppi zuccheri nel sangue e di sviluppare, nel tempo, diabete di tipo 2. In più, si rischia di ingrassare, perché lo zucchero in eccesso nel sangue si trasforma in adipe.

 

Il sonno come tutte le attività e i momenti della nostra giornata sono scanditi dal rilascio di certi ormoni che determinano il nostro stato di salute . la carenza di sonno porta anche a un incremento del cortisolo, l’ormone “dello stress”, che ha conseguenze negative sul metabolismo; il cortisolo provoca un rallentamento del metabolismo basale e una riduzione della massa magra (muscoli), entrambi presupposti che portano il fisico a bruciare di più. Il sonno tiene sotto controllo questo processo.

 

Per avere un buon periodo di sonno è necessario   andare a dormire e svegliarsi sempre alla stessa ora e di non alterare troppo i ritmi, nemmeno nei weekend; evitare di consumare bevande con caffeina nelle 5-6 ore che precedono il sonno e nicotina prima di andare a dormire. E’ consigliabile non svolgere attività sportiva intensa dopo le 17 ma attività di movimento leggero almeno quattro ore prima di dormire . Mentre leggere qualche pagina conciglia il sonno .

 

Molto importante è la cena che si consuma: deve essere un pasto leggero. Preferibile consumare alimenti contenente triptofano. Il triptofano è un amminoacido essenziale la cui funzione è quella di aiutare l’organismo nella produzione delle sue proteine ed è causa dell’incremento dei livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che regola il sonno. E’ contenuto soprattutto in alimenti di origine animale come latte, uova, carne , pesce ma anche banana. Non è consigliabile andare a letto a stomaco vuoto, perchè ciò rallenterebbe il metabolismo il giorno dopo con conseguente accumulo di peso ma nemmeno esagerare perché con la digestione si comprometterebbe il riposo. La cena deve rappresentare circa il 25%  del fabbisogno calorico giornaliero. Dovrà essere consumata almeno due ore prima di coricarsi per permettere un’adeguata digestione e conseguente assimilazione .

 

Anche i supporti tecnologici come tablet PC e cellulare dovrebbero essere spenti un po’ prima di coricarsi per non incidere nei problemi di difficoltà di addormentamento. La luce emessa dai device inibisce la produzione di melatonina, un ormone che viene liberato dal corpo per rilassarlo ed indurlo al riposo. Nei limiti del possibile quindi  cercate di non  esporvi a fonti di luce intensa prima di andare a letto e rendete l’ambiente notturno buio non troppo caldo (19-20° C al massimo).

 

Le persone che hanno la possibilità di dormire in un ambiente adeguato hanno un 21% in meno di rischio di essere obese, a differenza delle persone che dormono in stanze esposte a fonti di luce o con condizioni che disturbino il sonno.

 

Certamente, per perdere peso, saranno doverosi anche altri cambiamenti riguardo il nostro stile di vita, che, se ci ha portato a una tale decisione, avrà di sicuro bisogno di un restyling.

 

 

 

Please reload

Urban walking e IOT: un nuovo connubio.

July 10, 2018

1/4
Please reload

Recent Posts

September 21, 2018

September 14, 2018

August 28, 2018

August 13, 2018

August 9, 2018

Please reload

Search By Tags